Sei fatta così! Oppure no? Liberarsi dalle etichette.

Sei fatta così! Oppure no? Liberarsi dalle etichette.

Le etichette

Durante l’infanzia assorbiamo qualsiasi stimolo esterno e il nostro modo di reagire alle situazioni e alle persone dettato dalla cultura, dalla famiglia e dai contesti sociali in cui ci troviamo, genera sin da subito delle etichette che gli altri tendono a installarci addosso. 

Andando avanti nel tempo, cresciamo quindi con la convinzione di essere in un certo modo e di avere un certo carattere. Ad esempio, se cresco con il timore di sbagliare tenderò a reagire come una persona introversa e a non espormi troppo; se mi è stata trasmessa la fiducia nelle persone e nella vita, sarò una persona ottimista e positiva. 

Quello che non ci dicono però è che si tratta solo di etichette e che il carattere si può cambiare. Noi non siamo fatti così e non siamo immutabili, ma ci evolviamo come persone sia esteriormente sia interiormente e non ci evolviamo solo perché cresciamo, ma anche perché siamo liberi di cambiare.

Quando ero piccola ero una persona timida, temevo di parlare, provavo un senso di inadeguatezza che mi spingeva a stare in silenzio. Per molto tempo, le persone mi avevano etichettato come una persona timida e io ero convinta di esserlo. 

Questa convinzione mi trasmetteva un senso di sicurezza perché mi riconoscevo in qualcosa; anche se non ero felice, mi sentivo sicura ad avere un’identità specifica.

Per l’essere umano un senso di identità, anche se non gradevole, è meglio che non avere alcuna identità. 

Né a scuola, né in famiglia ci insegnano ad essere noi stessi, così cresciamo con tanti automatismi e convinzioni errate.

Crescendo ho lasciato spazio a qualcosa che voleva emergere e ho scoperto di poter scegliere la persona che voglio essere, si tratta semplicemente di una scelta intenzionale che prendo ogni giorno.

Da quel momento, sono cambiati anche gli sguardi delle persone e di conseguenza le loro etichette. Le persone tenderanno sempre ad attribuirti qualche etichetta, ma la tua consapevolezza ti renderà libera in ogni caso.

Liberarsi dal senso d’identità

Per cambiare qualcosa nella nostra vita, dobbiamo ripartire prima di tutto da dentro noi stessi e iniziare a esplorare con curiosità.

Sei proprio sicura di essere quello che pensi? Non sei curiosa di scoprire quali potenzialità ci sono dentro di te? 

Per liberarti da un’etichetta che ti senti addosso, riparti da questo momento e lascia spazio alle tue sensazioni, respira e lascia andare tutti i giudizi e i pensieri nella tua testa.

Le convinzioni a cui ci attacchiamo possono essere dei fardelli molto pesanti e consumare tutta la nostra energia reprimendo il nostro valore.

Rifletti su questo: diresti alla tua migliore amica quello che dici a te stessa?

Torna ad essere gentile con te stessa, trattati come la persona più importante della tua vita e liberati dalle convinzioni limitanti per riappropriarti del tuo valore.

Tu sei la prima persona che deve liberarsi di quell’etichetta, indipendentemente da quello che possono pensare gli altri.

Non ti basterà tutta la vita per scoprire il mondo che c’è dentro di te, ma puoi iniziare oggi a lasciare andare tutto ciò che non ti fa stare bene e accogliere invece la sensazione di libertà e meraviglia che sei.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin
Ilaria Trivelloni

Ilaria Trivelloni

Scrivo per condividere le mie esperienze di crescita e per comunicare spunti, ispirazioni e riflessioni che mi colpiscono nella vita quotidiana, attraverso i libri che leggo, i video che guardo, le persone che ascolto e le cose che osservo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti anche

calma interiore

La calma interiore

Noi siamo come un oceano. All’esterno, l’oceano è esposto alle intemperie e alle tempeste oppure può vivere momenti di calma e di tranquillità, ma nella sua profondità è imperturbabile, qualunque cosa accada all’esterno.